La vendita online di vestiti, accessori, arredamento è molto diffusa e c’è ora disponibile una App che uscita rende facilissimo e veloce creare il profilo, impostare la vendita, spedire… oplà!
Chiunque abbia visto la televisione anche solo una volta negli ultimi mesi potrebbe sapere esattamente di quale app sto parlando. App che peraltro è fatta davvero bene, e che trovo molto interessante perché penso sia un vero e proprio strumento di formazione per valutare, migliorare e far crescere le proprie competenze da commerciante.

Nella pratica, l’applicazione gestisce in maniera davvero veloce l’iscrizione e la pubblicazione dell’offerta, e il credito maturato. Per le spedizioni, il sistema è organizzato in modo tale da semplificare la vita al venditore con punti di ritiro della merce diffusi sul territorio. Risolti quindi tutti gli impicci burocratici rimane da fare “solo” la parte più difficile: gestire il negozio.
L’applicazione provvede a elargire consigli, suggerimenti e idee per il successo dell’iniziativa imprenditoriale e ci si rende conto ben presto quante scelte debbano essere fatte: che cosa vendere, qualità delle foto, vetrina, presentazione personale e gestione social…
In pratica non basta avere una bella offerta, tirare su la metaforica serranda del negozio e aspettare che la gente arrivi. Bisogna darsi da fare, rendere attrattivi se stessi e la merce, fare promozioni e investimenti… esattamente come nella vita reale la visibilità è fondamentale e deve essere alimentata continuamente.
Si guadagna? Sì, qualcosa sì, considerato che si mette in vendita lo scarto dei propri armadi… ma soprattutto si tratta di un’occasione per capire quanto sia bello e difficile vendere e portare avanti una propria idea commerciale… scoprendo ad esempio che quello che ci piace non vende nulla, che fare il prezzo più adeguato è difficilissimo, e che, almeno all’inizio, quello che si guadagna va tutto reinvestito in visibilità altrimenti si chiude dopo poco, o si rimane soli nel proprio negozio a guardare la gente che passa.
Può una App sostituire la formazione esperta del commerciante esperto o del coach? NO. Ma di certo è un bel banco di prova per mettersi in gioco sui fondamentali, e anche per verificare la propria attitudine e propensione verso il commercio al dettaglio 😀

www.vinted.it

Giulia Sabbadini

Socio fondatore di Nowhere. Dopo una lunga esperienza in progetti multimediali ha scoperto il Graphic Recording e la Facilitazione Visuale. Oggi, come facilitatrice esperta, utilizza il disegno e linguaggio visuale per accompagnare persone e gruppi in percorsi formativi di co-creazione, e in processi di cambiamento.

Torna su