Profilo Linkedin personale

Un profilo LinkedIn ben costruito può fare la differenza.

Quando troviamo un po’ di tempo da dedicare al nostro profilo personale su LinkedIn?
Di solito non ce la facciamo perché siamo troppo impegnati, oppure perché in fondo ci sembra un’attività del tutto marginale.
Tuttavia, quando trascuriamo l’immagine personale perdiamo anche una grande opportunità dal punto di vista del marketing. L’impatto dei collaboratori che condividono i contenuti dell’azienda, infatti, è enorme e coloro ottengono più reazioni sono quelli che presentano bene se stessi su LinkedIn.

La pagina del profilo LinkedIn è la base per avere una buona immagine sul canale.
Recentemente sono state implementate nuove funzioni molto utili per arricchire il tuo profilo e migliorare la tua immagine personale.

Ecco i primi dieci step da intraprendere per avere un profilo veramente efficace. Alcuni sono molto veloci da fare, altri richiedono un po ‘di tempo, ma sono tutti estremamente utili e ti aiuteranno a darti il profilo LinkedIn e il branding personale che meriti.

1. Scegli la giusta immagine di profilo

La tua immagine del profilo è il tuo biglietto da visita su LinkedIn, ecco alcuni suggerimenti rapidi per iniziare: assicurati che l’immagine sia recente e ti assomigli, fai in modo che il tuo viso occupi circa il 60% della foto (evita gli scatti a distanza, non risaltano), indossa quello che vorresti indossare per lavorare e sorridi con gli occhi!

2. Aggiungi una foto di sfondo

La foto di sfondo è il secondo elemento visivo nella parte superiore della pagina del tuo profilo. Cattura l’attenzione delle persone, imposta il contesto e mostra qualcosa in più su ciò che conta per te. Ma soprattutto attira l’attenzione ed è facile da ricordare.

3. Rendi il tuo titolo più di un semplice titolo di lavoro

Non è necessario che la descrizione nella parte superiore della pagina del tuo profilo sia esattamente il ruolo lavorativo. Puoi utilizzarla per dire qualcosa in più su come vedi il tuo lavoro, perché fai quello che fai o cosa ti rende efficiente.

4. Trasforma il tuo riassunto nella tua storia

La prima cosa da dire sul riassunto di LinkedIn è: assicurati di averne uno, molte persone lasciano questo campo vuoto. È la tua occasione per raccontare la tua storia, quindi non usarlo solo per elencare le tue capacità o i titoli. Cerca di far capire perché queste abilità sono importanti e la differenza che possono fare per le persone con cui lavori. Non aver paura di investirci un po’ di tempo, prova alcune bozze e confrontati anche con le persone che conosci. Questa è la tua parte più personale del content marketing e ne vale assolutamente la pena.

5. Evita i luoghi comuni

Sono quegli aggettivi che vengono utilizzati così spesso nei titoli e nei riepiloghi di LinkedIn che diventano quasi completamente privi di significato: “specializzato”, “leadership”, “focalizzato”, “strategico”,”esperto”, “appassionato”, “esperto”, “creativo”, “innovativo” e “certificato”.
Non che non ci si possa descrivere con questi termini, ma l’uso prevalente di queste parole non convincerà le persone che possiedi queste qualità. Devi piuttosto dimostrarli, sia nel modo in cui descrivi te stesso, sia nel modo in cui utilizzi le funzionalità del profilo LinkedIn per raccontare di cosa ti occupi.

6. Fai crescere la tua rete

Uno dei modi più semplici e allo stesso tempo più rilevanti per far crescere la tua rete LinkedIn è sincronizzare il tuo profilo con la tua rubrica e-mail. Ciò consente a LinkedIn di suggerire persone con cui potresti connetterti.

7. Elenca le tue abilità rilevanti

Scorri l’elenco delle competenze e identifica quelle che sono rilevanti per te. In questo modo è possibile avvalorare la descrizione nel titolo e nel riepilogo e fornire agli altri una base per sostenerti. Tuttavia, la chiave qui resta “rilevante”: un lungo elenco di abilità che non sono realmente fondamentali per chi sei e cosa fai può diventare ingombrante. Di tanto in tanto, prenditi del tempo per fare pulizia e aggiornarlo.

8. Metti in risalto i servizi che offri

I servizi sono una nuova funzionalità di LinkedIn che aiuta i consulenti, i liberi professionisti e coloro che lavorano per le piccole imprese a mostrare la gamma di servizi che offrono. La compilazione della sezione Servizi del tuo profilo può aumentare sensibilmente la tua visibilità nei risultati di ricerca.

9. Sostieni gli altri e sostieni te stesso

Le conferme di altri membri sostengono le tue capacità e aumentano la tua credibilità. Come si ottiene l’approvazione su LinkedIn? Per cominciare, passa attraverso la tua rete e identifica le connessioni che ritieni meritino sinceramente l’approvazione da parte tua: questo è spesso il motivo per cui le persone ricambiano il favore. Non aver paura di raggiungere con un messaggio educato chiedendo l’approvazione anche per alcune abilità chiave. Ricorda però: la pertinenza è importante. Contatta le persone di cui apprezzeresti davvero il sostegno.

10. Gestisci le tue approvazioni in modo proattivo

Una volta che le approvazioni iniziano ad arrivare, potresti scoprire che distorcono l’enfasi del tuo profilo LinkedIn in modi che non riflettono chi sei. Potrebbe essere quello il tuo core. Per esempio, la tua area di competenza è il content marketing ma le persone che hanno lavorato con te agli eventi si rivelano i sostenitori più entusiasti: sii proattivo nella gestione dell’elenco di approvazioni e utilizza le funzioni di modifica nella sezione Competenze del tuo profilo: puoi scegliere tu quali mostrare e quali nascondere.

Nowhereweb staff: Antonella Babini

Antonella Babini

SEO e consulente in marketing digitale, da oltre dieci anni fa parte dello staff di Nowhere. Il suo lavoro è improntato all’approccio strategico, all’organizzazione delle risorse e all’integrazione delle competenze, punti chiave per il successo di ogni impresa.

Articoli correlati